porno-donne

Porno: Cosa guardano le donne?

I film porno sono per molti “cose da uomini“; in effetti nel nostro paese resiste ancora una cultura maschilista, e molti uomini sono convinti che alle donne il sesso non interessi. La realtà è ovviamente ben diversa, anche se è chiaro che la differenza di genere crea anche una diversa visione del rapporto sessuale. Se il sesso è diverso, sono diversi anche i film porno che si guardano in internet o in tv: non c0è bisogno di essere esperti psicologi per capire che alle donne non interessano le stesse cose che piacciono di più agli uomini.

In linea generale

donna eccitata con orgasmoNon tutte le donne amano guardare film porno, perché non sempre guardare l’atto sessuale effettuato da altri permette di arrivare ad una forte eccitazione; se non ci si eccita, un film porno è una produzione decisamente scarsa e poco interessante, quindi poco appetibile. Inoltre la maggior parte dei film porno sono prodotti e diretti da uomini: la scelta dei protagonisti, del set e della “storia” viene effettuata da uomini, che difficilmente pensano ad un pubblico femminile. Per questo motivo non sono tanti i film porno che possono piacere anche alle donne.

Le ultime statistiche

Da alcune ricerche effettuate da PornHub, un diffusissimo sito di filmati pornografici, risulta che le donne che si dilettano con questi passatempi guardano cose che farebbero rizzare i capelli ai loro compagni. In realtà i risultati delle ricerche non sono poi così incredibili: le donne, proprio come gli uomini, guardano i film porno per fantasticare e per esorcizzare le loro fantasie erotiche. Per questo moltissime donne guardano video porno con teenager, per ricordare la loro giovinezza, o video con tre o più partner, per esorcizzare una tipica fantasia femminile, quella di avere un gran numero di partner. Non potendo ringiovanire e neppure avere 3-4 compagni simultaneamente, guardiamoci un video per immaginare meglio come sarebbe poterlo fare.

Guarda come fa quella

Alcune donne guardano i film porno per poter capire come funzionano alcune particolari posizioni o come si possono realizzare alcune cose nel sesso. Nelle classifiche dei film più guardati dalle donne ci sono infatti filmati sullo squirting, o su particolari pratiche sessuali. Guardare un video che mostra alcune di queste cose tende a renderle più appetibili ed interessanti.

I video porno soft

Un tempo c’erano film porno molto soft e delicati, per molti versi perfetti per donne in cerca di una semplice stimolazione erotica. Oggi questi prodotti non sono diffusi e sempre più spesso si trovano video con sesso violento, orge o rapporti carnali molto spinti. Per le donne non sempre questo tipo di video sono interessanti, soprattutto perché moltissimi protagonisti maschi sono scarsamente interessanti. Per questo motivo molte donne guardano video con contenuto lesbo o i video porno giapponesi. In entrambe queste categorie le protagoniste sono più dolci e sottomesse rispetto alla media delle attrici dei film porno di altre categorie, quindi sono più interessanti e piacevoli per molte appartenenti al genere femminile.

Il sogno

Molto spesso quando si decide di guardare un film porno lo si fa per stimolare l’immaginazione. Per certi versi le fantasie femminili e maschili, seppur in modo opposto, tendono a somigliarsi. Infatti molte donne preferiscono i video porno con protagoniste ingenue baby sitter, che vengono sedotte dal padrone di casa; oppure quelli con statuari idraulici che ci provano con la datrice di lavoro. In entrambi questi casi una donna può immedesimarsi con la protagonista femminile e sognare quando era ragazzina e avrebbe voluto portarsi a letto il padre dei bambini che seguiva, oppure sperare che l’idraulico o l’elettricista appena chiamato sarà in effetti una divinità del sesso, che farà loro gioire di averlo contattato. Come per tutti, le fantasie applicabili al quotidiano sono sempre le migliori, perché si può sperare che prima o poi accada.

Approfondisci

Sesso tantrico con uomo e donna

Come si fà il Sesso Tantrico?

I segreti della di una pratica sessuale all’insegna della spiritualità

Secondo la parola Tantra, nell’universo tutto è indissolubilmente connesso, inclusi gli esseri umani. Questo concetto sta alla base di una filosofia che porta con sé importanti insegnamenti spirituali: un elogio alla vita che proviene dal lontano Oriente.
Poiché il Tantra riguarda ogni aspetto della vita, ovviamente non si può trascurare la sfera sessuale all’insegna dell’equilibrio Fisico-Mente; un equilibrio che, una volta raggiunto, conduce all’amore, al sesso, ma anche al benessere interiore e, soprattutto, alla felicità.

Ma cosa significa fare del sesso tantrico?

Si tratta di una pratica non sempre ambita dagli uomini, che spesso non concepiscono un rapporto senza penetrazione. Ma il sesso tantrico dimostra che le forme del sesso siano varie ed egualmente appaganti. In questa pratica, ad esempio, il bacio è uno strumento importantissimo, così come le dita e la lingua, indispensabili per giungere all’orgasmo in modi alternativi e carichi di erotismo, stimolando i punti più impensabili. Per fare del sesso tantrico è necessario che ci sia una certa sintonia e una buona conoscenza del corpo del proprio parnter; un’intesa senza la quale non si può raggiungere l’equilibrio che porta ad un prolungato godimento e a quella che in molti definiscono una sensazione di beatitudine. L’atto stesso della stimolazione, coinvolgendo tutto il corpo, diventa dunque più godurioso dell’orgasmo stesso, perché è il momento più alto, quello in cui le energie dei due corpi si fondono in un piacere quasi religioso.
Nei testi che trattano l’argomento si possono inoltre studiare varie tecniche di massaggio e posizioni alternative piuttosto interessanti.

Per avventurarsi nella pratica del sesso tantrico è consigliabile creare un ambiente che evochi una certa spiritualità ed intimità, ove sentirsi protetti e completamente rilassati. Si consiglia un ambiente il più insonorizzato possibile, al riparo da rumori molesti che potrebbero diventare delle interferenze nella sintonia tra i corpi. Proprio in virtù di quest’ultima è bene sincronizzare il respiro mettendosi uno davanti all’altro, inspirando ed espirando in maniera alternata, come se espirare significasse dare al proprio partner l’aria da inspirare: qualcosa di estremamente romantico ed efficace.
Inoltre, tenere aperti gli occhi, guardarsi intensamente, ma senza sentirsi obbligati, dimostra che c’è una certa sintonia e che anche le menti sono sincronizzate tra loro tramite un collegamento indissolubile.
Il sesso tantrico, come si può facilmente evincere, è fatto di preliminari, motivo per il quale è necessario non avere fretta, comportarsi con spontaneità e trarre tutto ciò che di positivo può offrire la prolungata stimolazione tra i corpi.
E’ interessante notare che non ci sono delle regole ben definite, ma solo dei consigli utili a raggiungere l’intesa di cui tanti si è parlato e che risulta centrale in questa pratica.

Approfondisci

donna che gode con l'analingus

L’altro sesso orale che và fatto: Analingus

Una delle pratiche che viene maggiormente messa in disparte, ma che sta riuscendo a ritagliarsi una certa fetta di popolarità, ovvero sta divenendo sempre più praticata, risulta essere l’analingus, pratica tutta da scoprire che riesce ad offrire diverse emozioni a coloro che decidono di praticarla.

Analingus: di cosa si tratta?

L’analingus è una pratica orale che viene effettuata da un numero sempre più elevato di persone: sostanzialmente si tratta di leccare sia la parte circostante l’ano, sia l’orefizio stesso che la parte dei glutei.
Questa pratica, che inizialmente veniva schifata, per molte persone risulta essere piacevole, in quanto queste sostengono di provare un piacere immenso nel praticarla, e tale concetto vale sia per chi decide di subirla, sia per coloro che la mettono in pratica, ovvero decidono di effettuare la suddetta pratica sul partner.
Ovviamente, quando si parla di analingus, si parla anche di igiene, visto che tale pratica deve essere effettuata solo ed esclusivamente su una persona pulita, per evitare delle situazioni potenzialmente dannose e poco piacevoli da affrontare.

Le varie pratiche dell’analingus

Quando si parla di analingus dunque, ci si riferisce ad una pratica particolare, che in realtà potrebbe racchiudere in se diversi aspetti e pratiche che vengono agglomerate a questo termine.
L’analingus effettivamente consiste nel leccare l’ano del partner e, generalmente, a praticare questo preliminare, visto che esso viene inserito in questa categoria, è l’uomo, che si diletta nel cercare di far raggiungere il massimo piacere alla donna tramite la masturbazione anale.
Spesso infatti, ad essere coinvolta in questa pratica non è solo la bocca, ma anche le mani, che servono per dare un piacere maggiore alla femmina.
L’analingus inoltre inizia spesso partendo dai glutei: la pratica infatti inizia nel momento in cui il maschio inizia a sfiorare con la bocca, e poi con la lingua, le natiche della partner, per poi scendere verso la zona anale vera e propria.
Chi effettua tale pratica generalmente inizia col leccare la zona che si trova vicino all’ano e, solo dopo aver stimolato la partner, si può parlare di analingus vero e proprio.

Esso comunque non consiste solo nel leccare l’ano, visto che il partner generalmente effettua anche delle penetrazioni, sia con la lingua che con le dita.

Si tratta dunque di un rapporto anale completamente differente da quello classico, e che per certi versi ha gli stessi aspetti del rapporto orale che il maschio effettua su una donna, solo che questo viene praticato nella zona posteriore della stessa donna, ovvero nell’ano e nei glutei.

Cosa si prova con l’analingus e perché viene effettuato

Quando si pratica per la prima volta l’analingus, molte persone provano imbarazzo, specie chi lo riceve: sono ancora poche le coppie o i partner occasionali che praticano senza problemi questo preliminare, visto che esso, oltre essere poco diffuso, potrebbe non sembrare piacevole come viene descritto.
L’imbarazzo ed anche senso di stranezza potrebbero essere visti come comportamenti che, di fatto, bloccano la voglia delle persone nel consumare questo particolare rapporto sessuale anale.

Solo quando si ha molta confidenza col partner, oppure si è eccitati o ancora è uno dei due partner a richiedere esplicitamente questa pratica, l’analingus viene effettuato con grande naturalezza, come preliminare che rientra nella sfera ordinaria.

Chi pratica questo gioco erotico sostiene che esso è parecchio eccitante, visto che generalmente l’ano viene utilizzato solo per la penetrazione nel rapporto sessuale, e non come parte del corpo da stimolare per poter raggiungere il giusto piace che invoglia maggiormente i partner nel proseguire la pratica sessuale.

L’analingus viene praticato quando si decide di effettuare la posizione 69 del doppio rapporto orale, o appunto quando si è veramente eccitati, visto che essa aumenta il piacere ed il desiderio di sesso nel comportamento di chi lo riceve.
Anche altre coppie praticano parecchio l’analingus, come ad esempio quelle omosessuali femminili, ma anche quelle maschili.

L’analingus dunque rappresenta una pratica, di tipo sessuale, che ancora ad oggi deve affermarsi come tante altre, ma che viene praticata con una frequenza sempre più elevata e da un numero costante e crescente di coppie, occasionali e non.

Approfondisci

libro sul sesso

14 Statistiche sul Sesso che vi Stupiranno

Sembra incredibile ma è vero: sul sesso c’è ancora molto da scoprire. Lo testimoniano le numerose ricerche che in tutte le parti del mondo ne hanno esplorato ogni aspetto. La maggior parte delle statistiche riguarda i risultati della ricerca scientifica volta alla prevenzione e alla cura delle malattie legate agli organi riproduttivi e all’attività sessuale, ma dall’osservazione dei comportamenti sociali emergono dati curiosi e inaspettati. In alcuni casi infrangono dei veri e propri miti facendo emergere verità celate gelosamente da secoli.

Vediamone alcune.

  1. Troppo veloce
    Parliamo della durata del rapporto sessuale. Quando di sesso ne discutevano solo gli uomini si poteva favoleggiare di lunghissimi amplessi. Oggi però è stato scientificamente provato che un rapporto sessuale, preliminari compresi, dura in media 7 minuti. Secondo la società di ricerca scientifica European Society for Sexual Medicine (ESSM) un uomo su 5, quindi il 20% di quelli esaminati, “resiste” meno di un minuto, mentre il 10% è in grado di tagliare il traguardo dei 2 minuti.
  2. Pronto? Sto facendo sesso
    Secondo una ricerca inglese recentemente pubblicata dal “Telegraph“, una persona su quattro, cioè il 25%, ha risposto al telefono mentre era impegnata in un rapporto sessuale.
  3. Facebook meglio del sesso
    Secondo un sondaggio apparso su “Cosmopolitan” il 20% delle donne preferisce collegarsi a Facebook che fare sesso.
  4. Il 50% delle donne pensa ad un altro
    L’indagine condotta dalla DoxaPharma su commissione
    dell’Associazione Ginecologi Ospedalieri e la Società Italiana di Urologia, ha osservato 4 milioni di coppie per determinare quanto la durata del rapporto sessuale influisce sull’armonia e ha evidenziato che esso non dura più di due minuti. Di conseguenza la metà delle donne finisce con il pensare a un altro uomo e una su 5 dopo un anno tradisce o interrompe la relazione.
  5. Dopo 40 anni il sesso è un flop
    Dopo i 40 anni si fa sesso meno di 4 volte al mese. E’ il dato sconfortante emerso dall’indagine condotta dall’Osservatorio di Tradapharma e pubblicata dal “Sole24 Ore”.
  6. Gli uomini preferiscono il calcio
    Il Laboratorio di Neuroscienza dell’Università di Valencia e il Dipartimento di Psicologia della VU Amsterdam nel 2010, in occasione della finale dei Mondiali di calcio Spagna-Olanda, dal livello di testosterone prodotto dai tifosi esaminati, hanno dimostrato che non c’è nessuna differenza tra assistere alla partita della propria squadra e fare sesso.
  7. L’ora giusta per il piacere
    I psicoterapeutici della coppia non hanno più dubbi a riguardo: uomini e donne hanno bioritmi diversi e di conseguenza prediligono ore differenti della giornata per fare sesso.
  8. Greci: i più focosi
    Sfatato il mito del latin lover italiano. I dati dell'”Atlas mondial des sexualités” pubblicati su “La Stampa” parlano chiaro:in testa alla classifica degli amatori con la più alta media di rapporti ci sono i greci.
  9. Preliminari
    In Apparenza freddini, nell’intimità i britannici dedicano ben 22 minuti ai preliminari e guidano la classifica europea.
  10. Sesso orale fuori legge?
    Il procuratore dello Stato della Virginia (USA) K. Cuccinelli nel 2013 propose di mettere fuorilegge questa pratica perchè ritenuta contro natura.
  11. Record partner sessuali
    Probabilmente pochi l’avrebbero immaginato che il record del numero dei partner sessuali spetta alla Cina con una media di 19,3.
  12. Posti dove fare sesso
    Un sondaggio Durex pubblicato da “La Stampa” ha stilato i posti in cui si fa sesso più di frequente, a parte il letto. Il record spetta all’auto con il 50%, a seguire le toilette, i parchi, la spiaggia e al 15% si piazza il posto di lavoro, non necessariamente durante la pausa pranzo.
  13. Sexting che passione
    L’indagine è americana ma la moda è globale. Si tratta della recente pratica di inviare messaggi e foto hot tramite gli smatphone. Il sessuologo Eric Anderson, curatore della ricerca, è convinto che in questo caso la tecnologia possa contribuire al benessere della coppia perchè accende le fantasie sessuali.
  14. Uomini traditori e frattura del pene
    Uomini, attenzione! L’University of Maryland Hospital ha condotto uno studio accurato sull’improvvisa rottura della membrana dei corpi cavernosi del pene, che solitamente si verifica mentre si consuma un tradimento. I medici rassicurano che non si tratta di una maledizione scagliata dalla partner tradita, ma è la conseguenza dei rapporti consumati frettolosamente e in luoghi non sempre comodi.

Approfondisci